Traffico di beni culturali, consultazione pubblica sul prossimo piano di contrasto

C’è tempo fino al 15 luglio prossimo per fornire il proprio contributo alla consultazione pubblica avviata dalla Commissione europea per elaborare il futuro piano di azione volto a contrastare il traffico illecito di beni culturali.

I beni culturali rappresentano, senz’ombra di dubbio, un patrimonio importante di ogni civiltà. Secondo dati Interpol, oltre la metà dei circa 850 mila beni culturali sequestrati in tutto il mondo nel 2020 è stata confiscata proprio in Europa.

Per questo motivo si rivela fondamentale attuare a livello comunitario delle misure ad hoc volte a preservare tali beni e, soprattutto, difenderli da possibili azioni di criminalità organizzata.

Lo scopo del costituendo piano di azione sarà quello di sensibilizzare alla problematica. Ma non solo, migliorare lo scambio di informazioni e la cooperazione, così come rafforzare lo sviluppo delle capacità e delle competenze. Il tutto volgendo un occhio anche alla tracciabilità online e offline dei beni culturali.

Per maggiori informazioni –> Traffico illecito di beni culturali – Piano d’azione dell’UE (europa.eu)

Tag di ricerca: Beni culturali, consultazione pubblica, commissione europea, interpol, tracciabilità, traffico beni culturali,

Attenzione

L'area servizi del sito, che consente anche l'accesso al gestionale della formazione e alla sezione "Amministrazione trasparente", è in manutenzione ed aggiornamento. Ci scusiamo per eventuali disservizi e problemi di navigazione o visualizzazione contenuti